Curare gli attacchi di panico con la Cannabis legale e l’olio CBD.

Gli attacchi di panico sono più comuni di quanto si possa pensare. In realtà sono così comuni che circa l’1,5% della popolazione degli Stati Uniti oltre i 18 anni può sperimentare un attacco di panico. Inoltre, coloro che soffrono di attacchi di panico spesso soffrono di disturbi concomitanti o di malattie fisiche, che intensificano il loro attacco. Se gli attacchi di panico sono legati all’ansia, o sono causati da qualche altro fattore di stress, gli attacchi di panico sono reali, spaventosi e emotivamente debilitanti. In generale, i medici tenderanno a trattare gli attacchi di panico con terapie di psicologia, farmaci, o con entrambi, ma grazie alla recente ricerca è emersa una terza opzione. Gli scienziati stanno ora concordando sul fatto che il l’olio di canapa con alta percentuale di cannabidiolo CBD sta dimostrando di essere un trattamento efficace per gli attacchi di panico.

Quali sono gli attacchi di panico?

Gli attacchi di panico e attacchi di ansia sono molto diversi. Gli attacchi di ansia sono per lo più causati in reazione a un fattore di stress, ad esempio, una persona può sentirsi apprensiva o timorosa di una determinata situazione. Gli attacchi di ansia sono di breve durata, quando il fattore stressante si allontana, diminuisce.

Gli attacchi di panico, d’altra parte, non sono collegati a un fattore di stress. Un attacco di panico è imprevedibile e può colpire all’improvviso. Durante un attacco di panico, una persona può sentirsi come se stesse per morire o perdere il controllo completo su una situazione. Ciò porterà ad una varietà di sintomi fisici, tra cui dolori al petto, vertigini e nausea.

I sintomi comuni del panico includono:

Battito cardiaco accelerato, Vertigini, Dolore al petto, Brividi, Formicolio in diverse parti del corpo, Terrore, Paura di perdere il controllo, Paura di morire, Nausea o mal di stomaco

Mentre gli attacchi di panico tendono a durare solo per un paio di minuti, le conseguenze possono portare a depressione e impotenza. Attacchi di panico ricorrenti possono portare a cambiamenti comportamentali significativi che possono durare per alcuni mesi. Chi soffre spesso di attacchi di panico, sarà spinto a recarsi al pronto soccorso più vicino, poiché questa malessere, spesso viene percepito come un attacco di cuore.

Medicina tradizionale per trattare gli attacchi di panico (non correlati all’olio di canapa CBD)

Se decidi di seguire la via tradizionale per curare un attacco di panico, è importante capire che i medici tenderanno a prescrivere due tipi di farmaci:

Antidepressivi – Questa è generalmente la prima scelta dei medici. Se assunti regolarmente, alterano le configurazioni dei neurotrasmettitori che a loro volta aiutano a bloccare i sintomi.

Farmaci anti-ansia (benzodiazepine) – L’uso di benzodiazepine per gli attacchi di panico è un argomento estremamente controverso tra i ricercatori. Ad esempio, mentre l’American Psychiatric Association ha trovato prove positive e afferma che le benzodiazepine possono essere utilizzate in base alla storia del singolo paziente, l’Istituto Nazionale di Eccellenza Clinica è giunto a una conclusione diversa, concludendo che le benzodiazepine non sono efficaci a lungo termine per il distrurbo del panico. Secondo l’Istituto nazionale di eccellenza clinica, la benzodiazepina non dovrebbero essere utilizzata per più di quattro settimane.

Olio di canapa e attacchi di panico.

A partire da ora, è noto che il THC può avere un effetto calmante e lenitivo sul corpo umano, dimostrando di fornire sollievo per chi soffre di attacchi di panico. Ciò si verifica quando l’anandamide nel nostro corpo reagisce con il THC della cannabis. Studi recenti, tuttavia, stanno dimostrando che un diverso cannabinoide, noto come CBD, sta avendo anche un effetto miracoloso sul panico.

Nel 2015, uno studio condotto da Esther M. Blessing, Maria M. Steenkamp, Jorge Manzanares, Charles R. Marmar (Neurotherapeutics, 2015 Oct. 12 (4): 825-836) ha concluso che il l’olio di canapa cbd può essere usato come trattamento per il disturbo dell’ansia, attacchi di panico, disturbo d’ansia sociale, disturbo ossessivo-compulsivo e disturbo da stress post-traumatico, se somministrato in modo acuto.

Altri studi hanno trovato una connessione indiretta agli attacchi di panico attraverso la ricerca sull’ansia. In un piccolo studio di 40 persone, il CBD è stato provato per ridurre l’ansia nelle persone sottoposte a situazioni stressanti.

Nel 2011, è stato riscontrato che il trattamento con olio di CBD riduceva significativamente l’ansia, i disturbi cognitivi e il disagio nelle prestazioni linguistiche, e diminuiva significativamente l’allerta nel loro discorso anticipatorio, aiutandoli ad affrontare ansia e attacchi di panico.

In una pubblicazione di de Mello Schier et al. (2014), si è concluso che i recettori CB1 e CB2 sono rimasti inattivi dopo la somministrazione di CBD. Questo ha suggerito che i benefici ansiolitici erano molto probabilmente raggiunti attraverso il legame al recettore 5-HT1A. Ciò indica che il CBD appariva efficace come ansiolitico.